L’intelligenza degli elettricisti

LampsSi é fulminata una lampada alogena che avevo montato in camera da letto subito dopo il trasloco, 13 anni fa. In casa ho alcune lampadine tradizionali, che vengono accese quotidianamente, che provengono dall’appartamento di mio suocero, scomparso nel 2001, mentre continuo a sostituire lampade a basso consumo con pochi mesi di vita.

Le vecchie ed inquinanti lampade a filamento sono state ritirate dal commercio nel nostro interesse e per il bene dell’ambiente.
Ma sarà poi vero che con le lampade a basso consumo si risparmia, oppure, come temo, qualcuno ci sta fregando?

Trascurando il dato secondo cui l’illuminazione assorbe solo l’1% della spesa energetica di una casa privata, indirizziamo la nostra voglia di risparmio unicamente verso le lampade, pur notando che quelle a risparmio energetico sono grandi, brutte, molto costose, fanno una luce fioca e sgradevole (con effetti deprimenti sull’umore), si illuminano solo qualche istante dopo l’accensione e non possono essere utilizzate con regolatori di luce, interruttori elettronici, sensori crepuscolari, temporizzatori e fotocellule.

Ma come si fa a verificare se una lampada a basso consumo consuma effettivamente un quarto di una lampadina ad incandescenza?

I dati che si possono rilevare facilmente sono: la resa, il prezzo di acquisto e la durata.
Della resa abbiamo già detto. Il prezzo sappiamo che è almeno 4-5 volte superiore a quello delle vecchie lampade ad incandescenza (ci sono lampade che, presso la grande distribuzione, costano oltre 20€). Conseguentemente il risparmio è imputabile solamente alla durata che, come pubblicizzato, dovrebbe essere 10-15 volte superiore a quella di una vecchia lampada a filamento o alogena (caspita!). Invece scrivo questo post perché questa settimana ne ho dovute cambiare già tre (sic!).
Qualcuno si è già occupato dei costi di produzione, di smaltimento e dell’impatto sull’ambiente?
E mi domando anche: dietro l’obbligo di comprare solo lampade c.d. ad “alta efficienza”, c’è un reale interesse verso la salute dell’ambiente e verso il risparmio dei consumatori o forse, come a volte capita, c’è l’interesse di chi vuole garantirsi forti guadagni in tempi brevi, a nostre spese?
(P.s.: vogliamo parlare dei Led?)

*Una goccia nel mare della spesa energetica domestica che copre la forza motrice (5%), l’acqua calda sanitaria (15%) ed il riscaldamento (79%).

Annunci

2 thoughts on “L’intelligenza degli elettricisti

  1. Adesso si prepara l’offensiva delle nuove lampade a Led, offerte in confezioni speciali di lancio. Nello spot di si parte alla conquista delle nonnette. Quelle che magari, beate loro, hanno conservato le vecchie Edison a incandescenza.

Dì la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...