Note minime – 6

Una mattinata di ozio al bordo di quella vasca di pietra bianca che è la piazza principale di Norcia,  dove, sotto il sole che entra ed esce dalle nuvole e lo sguardo della statua di San Benedetto, la gente passeggia. Leggo il giornale e non ho voglia di fare niente.
Dopo un vivace pranzo del gruppo degli allievi e di alcuni intrusi genitori, si raggiunge l’accordo di dedicare la domenica pomeriggio ad una passeggiata in automobile a Castelluccio. Il programma naufraga presto sotto il temporale. Si devia pertanto verso i pianoforti.
Zuppa di pioggia Anna siede alla tastiera per un concerto privato ad uso di noi pochi. Le dita già vibrano prima di toccare i tasti, forse è per questo che il suo Brahms è tanto struggente e il suono della macchina nera è come un respiro. Il maestro le fa ripetere tutto con maggiore impeto. E la dirige cantando e agitandosi.  Nessuno di noi l’avrebbe ascoltata se il maestro non ci avesse chiesto espressamente di fare da pubblico. Lo abbiamo ringraziato.

Annunci

Dì la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...